AREA RISERVATA

Testo Articolo

Federmeccanica-Assistal e Fim-Fiom-Uilm: 25 novembre – Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza maschile contro le donne

  • 25 Novembre 2021 |
  • dimensione font
  • Stampa

Federmeccanica-Assistal e Fim-Fiom-Uilm
25 novembre – Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza maschile contro le donne

Per promuovere una cultura rivolta al contrasto della violenza maschile sulle donne, per sostenere le

donne vittime di violenza e prevenire forme di molestie sessuali nei luoghi di lavoro


Federmeccanica, Assistal e Fim, Fiom, Uilm, con il CCNL del 5 febbraio 2021 hanno concordato, nel campo di attività della Commissione Nazionale per le pari opportunità, di avviare iniziative di sensibilizzazione finalizzate a favorire relazioni interpersonali fondate sulla correttezza reciproca, e più in generale, a sviluppare e consolidare una cultura del rispetto della dignità della donna.
In occasione del 25 novembre 2021, giornata internazionale deliberata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite per l’eliminazione della violenza maschile contro le donne, le parti riaffermano l’importanza delle novità introdotte nel CCNL che non solo costituiscono un’azione utile ai fini di una maggiore consapevolezza su un tema così importante, ma si traducono in forme concrete di supporto da parte del mondo del lavoro.
Sono stati condivisi interventi di informazione/formazione e di sensibilizzazione delle aziende e dei lavoratori, con lo scopo di prevenire molestie e violenze nei luoghi di lavoro e, implementando quanto già previsto dalla legge, sono state introdotte alcune misure per le donne che subiscono violenza idonee a contribuire a migliorare la loro condizione di vita e a favorire il loro reinserimento lavorativo.
Un primo atto concreto, previsto dal CCNL, quale scelta consapevole di responsabilità della comunità di lavoro, è la formale adozione da parte delle aziende della Dichiarazione di cui all’Accordo quadro sulle molestie e la violenza nei luoghi di lavoro sottoscritto da Confindustria e Cgil, Cisl e Uil il 25 gennaio 2016.

Torna in alto